INSERZIONISTI

inserzionisti

 
TRA LAGO E COLLINA... L'INCANTO DI LESA

a cura di Giorgio Gavazzi

Lesa - Lungo LagoLesa (Lexia, Lixia, Lexa Leocarni), "si adagia su uno dei più suggestivi golfi del Verbano, attorniato dallo stupendo anfiteatro collinare che si innalza a spalti verso l'alto Vergante in un policromo susseguirsi di vigneti, frutteti, spiazzi prativi, armoniosi boschi".
Con queste parole Luciano Rainoldi introduce Il Borgo di Lesa nel suo libro "Arona e il Vergante" (Editrice Lo Scolaro), parole belle, giuste, adatte forse di più ad un tempo passato che non a quello attuale.
Il pittoresco golfo di Lesa è una straordinaria insenatura, posta alle pendici della Motta Rossa e lambita dal delta del torrente Erno (nome di radice celtica Arn-Ern= andare), che offre una veduta panoramica di Belgirate (a Nord), di Arona (a Sud), della costa lombarda con le scogliere di Arolo fino alla Rocca di Angera (a fronte).

Lesa Tour Virtuale
La mitezza del clima e le vaste aree verdi pianeggianti hanno donato a questa terra una grande ricchezza agricola, soprattutto nel campo della viticoltura e della frutticoltura (un tempo era famosa per le "persigatt", piccole e gustose pesche locali), ma con la nascita del turismo d'élite, le coltivazioni hanno lasciato il posto a prestigiose ville, trasformandola in un'elegante e signorile località di villeggiatura affacciata sul lago e circondata dal verde dei boschi e dai fiori dei suoi giardini.

 
altri-inserzionisti

Sala del Cane

 


 

Lesa (Lexia "città della legge") nel X secolo apparteneva ad un certo Riccardo conte di Novara e Signore della Valsesia, in seguito passò sotto il dominio degli Arcivescovi di Milano.
Nel 1177, secondo quanto afferma il Prof. Amato nel suo Dizionario Corografico dell'Italia, Lesa rimase quasi totalmente distrutta da una terribile inondazione delle acque del Lago e la piena fu tale e tanta da superare il livello ordinario di 10 metri e 80 centimetri.
Il Borgo di Lesa era un tempo prefettura del Vergante e la sua giurisdizione era molto vasta:

"Il Podestà di Lesa reggerà e governerà e salverà gli uomini e le persone della comunità del Vergante e farà giustizia secondo gli statuti e ordinamenti contenuti in quell'apposito volume e secondo quegli atti che si possono stabilire in appresso, salva sempre l'approvazione dell'Arcivescovo suo signor" [Statuta et ordinamenta comunitatis Lexiae et Verganti et Castellantiae de Medina (Meina)].

Leggi tutto...